Perché diffidare dalla biancheria colorata?

Perché diffidare dalla biancheria colorata?

Più bianco non si può! Era lo slogan che ha accompagnato la nostra infanzia e dietro non c’era una lavanderia ma un detersivo che prometteva il candore assoluto.

Più bianchi che colorati è il primo consiglio che diamo a tutte le strutture ricettive. 

È vero che i colorati aiutano ad arredare, a creare atmosfera, ad attirare l’attenzione degli ospiti al punto di diventare scenografie per foto che segneranno il ricordo di quel viaggio.

È tutto vero e noi siamo d’accordo, ma con questo post vogliamo consigliare e spostare l’attenzione su altri aspetti. 

I colorati possono essere utilizzati nei complementi d’arredo come cuscini, sciarpe da letto, plaid, runner. 

Tutto ciò che invece è a contatto diretto con la pelle è meglio che sia bianco. Questo per svariati motivi, tra cui i i più importanti si concentrano nell’area del benessere dell’ospite.

  • Non c’è dubbio che il bianco, già a prima vista è sinonimo di pulizia.
  • Non c’è dubbio che il bianco può essere trattato ad altissime temperature e con igienizzanti che possono decolorare.
  • Non c’è dubbio che il bianco non nasconde nulla e neanche dopo tanti lavaggi perde lucentezza a scapito di un’opacità tipica del colorato.

L’utilizzo del bianco in lenzuola, federe, asciugamani, accappatoi, tappeti scendi doccia è la migliore garanzia che puoi offrire ai tuoi ospiti.

Il bianco, per chi fa ospitalità, è sinonimo di sincerità perché non nasconde nulla.

La stessa sincerità e trasparenza la offriamo da sempre a tutti i nostri clienti che ogni giorno serviamo alberghi, case vacanze, bed and breakfast, ville di pregio, ristoranti e trattorie.

Se stai per avviare un albergo, una casa vacanza o un ristorante chiamaci e ti forniremo tutto ciò di cui hai bisogno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>